• AdriaPAN Secretariat

    cross-border dialogue in the Adriatic.

  • Web tool

    to promote Marine Protected Areas

  • Developing proposals

    Interreg, IPA Adriatic, MED, Life + , South East Europe etc

  • Knowledge and confidence

    of the leaders of the local AMP

  • AdriaPAN

    a bottom-up network in the Adriatic Sea

Riserva Naturale del Borsacchio

La Riserva Naturale del Borsacchio, istituta con Legge Regionale 8 febbraio 2005 n.6 (art.69) si trova nel limitrofo Comune di Roseto degli Abruzzi.

La riserva:

contatti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Riserva Naturale Marina di Torre Guaceto

Riserva Naturale Marina di Torre Guaceto (Brindisi-Ita)

 

SOGGETTO GESTORE Consorzio tra i comuni di Brindisi e Carovigno e WWF Italia
PROVVEDIMENTO ISTITUTIVO Decreto interministeriale D. I. 04.12.1991 (G.U. n. 115 del 19.05.1992)
REGOLAMENTO Regolamento recante la disciplina delle attività consentite nelle diverse zone dell'AMP D.M. 26.01.2009
COMUNI INTERESSATI Brindisi, Carovigno, Barano, Casamicciola Terme
SUPERFICIE TOTALE E ZONAZIONE 2.227 ettari

mappa torre guaceto
COLLOCAZIONE Il litorale, la macchia mediterranea e la zona umida sono gli ambienti naturali più importanti della Riserva. Nel mare di Torre Guaceto la diversità degli ambienti sommersi e le numerose specie di pregio naturalistico hanno determinato l'inserimento dell'Area Marina Protetta di Torre Guaceto all'interno della Lista delle Aree Specialmente Protette del Mediterraneo per la conservazione della Biodiversità.
MONITORAGGIO CHIMICO-FISICO
MONITORAGGIO ECO-ETOLOGICO
ATTIVITÀ DI PROMOZIONE CENT.OLI.MED. servizi per i turisti

CONTATTI Consorzio di Gestione di Torre Guaceto
P.IVA 019280742
Indirizzo: Via Sant'Anna 6 - 72012 Carovigno (BR)
Telefono: +39 0831990882 / +39 3939035938
Fax: +39 0831994916
Sito ufficiale: www.riservaditorreguaceto.it
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Area Marina Protetta Torre del Cerrano

Area Marina Protetta Torre del Cerrano (Teramo-Ita)

 

SOGGETTO GESTORE Consorzio composto dalla Regione Abruzzo, dalla Provincia di Teramo e dai Comuni di Silvi e Pineto
PROVVEDIMENTO ISTITUTIVO Decreto ministeriale 21.10.2009 (G.U. n. 80 del 07.04.2010)
REGOLAMENTO Regolamento recante la disciplina delle attività consentite nelle diverse zone dell'AMP DM 28.07.2009
COMUNI INTERESSATI Silvi, Pineto, Agropoli, Castellabate, Ogliastro, Montecorice, Casalvelino, Ascea
SUPERFICIE TOTALE E ZONIZZAZIONE 3.430 ettari

mappa torre cerrano

Zona B: Riserva Generale

Zona C: Riserva Parziale

Zona D: Zona di Protezione

COLLOCAZIONE Fra cielo e terra uno specchio d'acqua protetto dove coltivare le preziose risorse del mare. L'area marina della Torre del Cerrano si trova in Abruzzo, la "regione verde d'Europa" con oltre il 30% del territorio tutelato. Nel tratto teramano, fra due Comuni, Pineto e Silvi, l'area marina delimita sette chilometri di costa e completa un programma di protezione e valorizzazione dell'ambiente affiancandosi alla rete di oasi sottomarine che hanno consentito, in questi anni, la salvaguardia, il ripopolamento e lo studio dell'ecosistema marino.
MONITORAGGIO CHIMICO-FISICO
MONITORAGGIO ECO-ETOLOGICO
ATTIVITÀ DI PROMOZIONE Percorsi di educazione ambientale
CONTATTI Consorzio Gestione Area Marina Protetta Torre del Cerrano
C.F. e P.IVA 90013490678
Sede Legale: Torre Cerrano, S.S.16 Adriatica,Km 431 Pineto-Silvi
Sede Operativa: Dep. Villa Filiani, via D'Annunzio 90 Pineto (Te)
Recapito Corrispondenza: Casella Postale n.34 - 64025 Pineto (Te)
E.mail certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito ufficiale: http://www.torredelcerrano.it/
Telefono: +39.085.949.23.22
Fax: +39.085.949.23.22

Oasi Marina di Caorle – Tegnùe di P.to Falconera

Oasi Marina di Caorle – Tegnùe di P.to Falconera(Venezia-Ita)

 

SOGGETTO GESTORE Gruppo sommozzatori Caorle
PROVVEDIMENTO ISTITUTIVO Decreto della Giunta Regionale n°2060 del 2 luglio 2004 confermato con D.M. del 16 dicembre 2004
REGOLAMENTO

COMUNI INTERESSATI Caorle
SUPERFICIE TOTALE E ZONIZZAZIONE

mappa tegnue falconera

COLLOCAZIONE Nelle acque antistanti al Comune di Caorle, a circa 1,5 miglia al largo di Porto Falconera, vi è una delle tegnùe più estese dell'Alto Adriatico, nota con il nome di Tegnùa di Porto Falconera. L'area comprende una serie di affioramenti rocciosi disposti in tre assembramenti principali.
MONITORAGGIO CHIMICO-FISICO Scansioni sonar
MONITORAGGIO ECO-ETOLOGICO
ATTIVITÀ DI PROMOZIONE
CONTATTI Oasi Marina Città di Caorle
Indirizzo: Via Strada Nuova 30021 Caorle (Ve)
Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito ufficiale: www.grupposommozzatoricaorle.com

Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi

Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi (Ancona-Ita)

SOGGETTO GESTORE Riserva Naturale Regionale - Oasi WWF - "Ripa Bianca" di Jesi (AN) - Marche/Italy
PROVVEDIMENTO ISTITUTIVO DGR n.85 del 2003 Regione Marche
REGOLAMENTO
COMUNI INTERESSATI
SUPERFICIE TOTALE E ZONIZZAZIONE 310 ettari

 

DESCRIZIONE

Fino agli anni Ottanta, l'area dove oggi è presente la Riserva era del tutto lontano dall'apparire come una zona di interesse naturalistico. Nei pressi dell'area calanchiva era situata la discarica di rifiuti del Comune di Jesi; poco lontano era attiva la cava "San Biagio" dove si estraeva ghiaia con  ruspe e camion al lavoro; il restante paesaggio era costituito da campi coltivati che arrivavano a ridosso del fiume Esino. Visitare oggi la Riserva è un'esperienza concreta di come dei luoghi fortemente antropizzati possano recuperare il loro aspetto naturalistico originario e ricreare un equilibrio ecosistemico tale da diventare area ricca di biodiversità e soggetta a tutela ambientale. Agli inizi degli anno '90, nel momento in cui le attività umane sono diminuite e la discarica bonificata, una colonia di nitticore si è insediata spontaneamente prima sul fiume e poi sulle rive del lago della cava, la cui attività nel frattempo era cessata. Primo ad accorgersene fu Sergio Romagnoli che, assieme ad altri soci WWF e naturalisti jesini, intraprese una battaglia per la conservazione della colonia di ardeidi individuata. La tutela dell'area è iniziata nel 1997 con l'istituzione da parte del Comune di Jesi dell'area didattica-naturalistica "Sergio Romagnoli", nel frattempo tragicamente scomparso. L'area, estesa per una superficie di 18 ettari, è stata affidata in gestione al WWF Italia ed inserita nel sistema nazionale delle Oasi WWF. Nel corso degli anni l'area protetta ha ottenuto numerosi riconoscimenti: Oasi di Protezione della Fauna Provinciale, Centro di Educazione Ambientale, Sito di Interesse Comunitario e Zona di Protezione Speciale. Finalmente nel gennaio del 2003 è stata istituita la Riserva Naturale Regionale Generale Orientata Ripa Bianca di Jesi con estensione di 310 ettari, all'interno della quale è presente l'area didattica-naturalistica "Sergio Romagnoli". La Riserva, a metà strada tra i Parchi Regionali del Monte Conero e della Gola della Rossa e Frasassi, è attraversata dal corso del fiume Esino e rappresenta una delle più importanti zone umide delle Marche con la presenza di circa 150 specie di uccelli, alcune delle quali vere e proprie emergenze naturalistiche regionali e nazionali. Ripa Bianca è una testimonianza concreta di come attraverso un'attenta gestione e interventi mirati di riqualificazione ecologica si può ottenere, anche partendo da un realtà territoriale degradata, un ambiente ricco di biodiversità e piacevole da visitare.

MONITORAGGIO CHIMICO-FISICO

MONITORAGGIO ECO-ETOLOGICO
ATTIVITÀ DI PROMOZIONE Percorsi di educazione ambientale
CONTATTI Riserva Naturale Regionale - Oasi WWF - "Ripa Bianca" di Jesi (AN) - Marche/Italy
C.F. e P.IVA 90013490678
Sede Legale: Via Zanibelli n.2, 60035 Jesi (AN) - IT
Recapito Corrispondenza: Via Zanibelli n.2, 60035 Jesi (AN) - IT
E.mail certificata:
Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito ufficiale: http://www.riservaripabianca.it
Telefono/Fax: +39.073161.92.13

Zona Tutela Biologica Tegnùe di Chioggia

Zona Tutela Biologica Tegnùe di Chioggia (Venezia-Ita)

 

SOGGETTO GESTORE Comune di Chioggia
PROVVEDIMENTO ISTITUTIVO Decreto ministeriale del 05.08.2002 (GU n. 193 del 19.08.2002)
REGOLAMENTO Ordinanza 32/06 della Guardia Costiera di Chioggia
COMUNI INTERESSATI Chioggia
SUPERFICIE TOTALE E ZONIZZAZIONE

COLLOCAZIONE Fin dal XVIII secolo era già ben nota la presenza di rocce sommerse al largo delle coste nord Adriatiche italiane, come testimoniano gli scritti dell'abate G. Olivi. I pescatori locali le hanno sempre chiamate "tegnùe" per la loro capacità di trattenere e rompere le reti. Di tegnùe ve ne sono un po' in tutto l'Adriatico settentrionale, a profondità variabili dai 15 ai 40 metri. Hanno dimensioni che vanno dai piccoli massi isolati fino a formazioni estese per centinaia di metri. Le formazioni più estese e meglio conosciute sono quelle al largo di Chioggia.
MONITORAGGIO CHIMICO-FISICO side-scan sonar per scansione 3D del fondale
MONITORAGGIO ECO-ETOLOGICO Popolamenti dei fondali, popolamenti ittici, fauna associata alle emissioni gassose
ATTIVITÀ DI PROMOZIONE Divulgazione nelle scuole
CONTATTI

Sito ufficiale: www.tegnue.it
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

"Adriatico Protetto" - LIBRO

Disponibile il libro "Adriatico Protetto" in formato elettronico e cartaceo!

Ultime notizie

10 ANNI DI ADRIAPAN – PASSATO E FUTURO

La rete delle aree protette marine e costiere adriatiche, AdriaPAN-Adriatic Protected Areas Network, ha celebrato il decennale della fondazione lo scorso Mercoledì 26 settembre a San Benedetto del Tronto, in Municipio presso la sede della Riserva Naturale della Sentina con il workshop “10 anni di AdriaPAN, passato e futuro”. All’evento hanno partecipato i rappresentanti delle aree protette marine e costiere del bacino Adriatico, rappresentanti della Regione Abruzzo e dell'Iniziativa Adriatico Ionica ed esponenti di associazioni locali e nazionali. 

Leggi tutto...

10 ANNI DI ADRIAPAN 10 YEARS OF ADRIAPAN

10 Anni di Adriapan - Passato e Futuro

10 years of Adriapan Past and Future

Leggi tutto...

AdriaPAN Projects


 

 

Copyright (c) www.adriapan.org 2012.
All rights reserved.